“Enzo Tortora, una ferita italiana” da Nord a Sud

By Attilio Gambino

marzo 24, 2014 giustizia

tortoraDal Nord al Sud. La storia di Enzo Tortora fa il giro d’Italia grazie al docufilm prodotto dal Gruppo Datamedia per la regia di Ambrogio Crespi. Monza e Villaricca, sono solo le ultime due tappe di un tour che ha già toccato diverse regioni e che si è spinto persino oltre le alpi approdando a Bruxelles al Parlamento Europeo e all’università di Exeter in Inghilterra.

Sedi istituzionali, scuole, università: sono questi i circuiti che stanno dando spazio al documentario: il merito dell’opera? Ridare voce a lui, Enzo Tortora, emblema degli effetti della malagiustizia in Italia, che torna a parlarci a venticinque anni dalla sua morte, per ricordarci l’urgenza della Riforma più attesa, quella della giustizia.

I prossimi appuntamenti sono martedì 25 e mercoledì 26 marzo a Monza e Villaricca. Nella cittadina lombarda (dove il docufilm sarà proiettato nella Sala Maddalena alle 21:00), il pubblico potrà ascoltare il racconto dalle parole del legale che difese Tortora, Raffaele Della Valle, la cui testimonianza è racchiusa anche nel film. Interverranno anche Ambrogio Crespi e il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti.

A Villaricca invece la location è quella della Sala Teatro “Clelia D’Altrui”, Scuola G. Rodari, in via della libertà alle 17:00. Questa volta a moderare il dibattito tra il regista e il pubblico ci sarà la giornalista Giuliana Tambaro.

Nord e Sud, appunto, per unirci nel ricordo di un uomo che è un simbolo di dignità e di intelligenza, ma che alla fine si è dovuto piegare e arrendere anche lui al fardello della malagiustizia che funesta il nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *