Tosi perde il primo pezzo

By Andrea Mancia

settembre 11, 2013 politica

Era lo spin-doctor che avrebbe dovuto accompagnare Flavio Tosi, ex sindaco leghista di Verona, nel “grande salto” verso il palcoscenico politico nazionale. Ma qualcosa, evidentemente, non ha funzionato a dovere. E Marco Benatti – presidente di Fullsix, creatore di Virgilio, uomo con una decennale esperienza nella comunicazione politica – ha abbandonato la sua “creatura” ancora prima di cominciare.

L’operazione sembrava buona, tanto che in un primo momento aveva affascinato anche Francesco Storace. E l’appoggio dell’ex governatore del Lazio, con una “Destra”, radicata soprattutto nel Lazio e in Sicilia, avrebbe potuto dare il necessario respiro nazionale al progetto del nordista Tosi. Magari sugellando quel ticket con la Meloni di cui, tra qualche giorno,andranno in scena le prove generali alla festa di Atreju 2013.

Benatti, su Twitter, aveva annunciato per settembre una parola definitiva riguardo a un suo possibile coinvolgimento nell’iniziativa. Ma la conferma, a lungo attesa, alla fine non è arrivata. Divergenze sulla strategia da adottare? Fine improvvisa di un principio d’innamoramento? Mancato accordo finanziario? Le teorie sono molte. E non tutte necessariamente in contrasto tra loro.

I bene informati, però, identificano nel sito “http://www.aspettandoil6ottobre.it” la causa scatenante del divorzio. La pagina web in questione, “countdown” ufficiale in vista della manifestazione con cui – al Palabam di Mantova – Tosi presenterà le “sue idee per il Paese”, sembra infatti messa in piedi in modo piuttosto artigianale e dilettantesco. Certo non all’altezza degli standard a cui, negli anni, ci ha abituato Benatti. Che, in punta di piedi come era arrivato, ha preferito togliere il disturbo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *