Italia, Europa: stesso delirio

By Redazione

marzo 17, 2013 politica

Come non intravedere una qualche sinistra corrispondenza tra il delirio di cui ogni volta che c’è da assumere una decisione sembrano preda i vertici europei e quello cui assistiamo ogni giorno nella caotica realtà politica, istituzionale ed economica italiana? L’elezione dei presidenti di Camera e Senato proposti dal Pd non cambia il segno di questa fase politica, che vede Bersani inseguire Grillo e questi rigettare ogni ipotesi di accordo per la nascita di un governo.

I nomi di Boldrini e Grasso servivano proprio a lusingare gli istinti grillini e in parte ci sono riusciti. E’ stata definita una vittoria di Bersani, ma si può chiamare così il prolungamento di un’agonia? Certo, la linea del segretario è uscita rafforzata, è riuscito ad aprire una breccia nella rappresentanza parlamentare del M5S, a farne esplodere le contraddizioni, ma il Pd si sta infilando in un vicolo cieco dal quale è sempre più difficile che riesca a far uscire se stesso ed il paese. L’elezione dei presidenti Boldrini a Grasso non aumenta di uno zero virgola le chance di veder nascere un governo Pd-Monti con l’appoggio esterno del M5S, ma chiude quasi del tutto le porte a qualsiasi altro tentativo di dare un governo al paese evitando l’immediato ritorno al voto.

E loro stessi, i neo presidenti, sono sintomi del vero e proprio impazzimento politico-istituzionale che il nostro paese sta vivendo. Solo tre mesi fa Grasso era niente meno che il procuratore nazionale antimafia, non un magistrato qualunque. Era già improprio che si candidasse alle elezioni, oggi è addirittura presidente del Senato. Della serie, una Repubblica fondata sulle procure. Laura Boldrini è una signora che ha usato il suo incarico in un organismo internazionale per fare opposizione politica al governo del suo paese. Legittimo, ma è stata premiata per quello. Se da portavoce dell’UNHCR lanci critiche così violente contro il governo del tuo paese, fino a farne un caso “europeo”, e dopo pochi mesi ti candidi, vieni eletta e diventi presidente di una Camera proprio contro la parte politica che avevi accusato, diventa forte il sospetto che le tue critiche erano frutto di un pregiudizio politico, piuttosto che di valutazioni di merito.

Apprezzabili o meno, i discorsi di insediamento di Boldrini e Grasso erano totalmente fuori luogo. Discorsi “programmatici”, un’orgia di retorica con accenti addirittura palingenetici rispetto ai mali e ai vizi della nostra società e del mondo intero, che inducono a chiedersi seriamente se queste persone siano davvero consapevoli della natura istituzionale del compito che sono stati chiamati a svolgere. Per non parlare della definitiva “caduta in politica” di Mario Monti. Veniamo da una tre giorni, infatti, da cui è emersa anche tutta la meschinità di colui che doveva essere il “salvatore della patria”.

Dei suoi errori di politica economica e dei suoi bluff sulle riforme ci eravamo ormai accorti un po’ tutti. Ma il duplice disperato tentativo, in rapidissima sequenza, prima di occupare la poltrona di presidente del Senato, respinto da Napolitano, e poi di ottenere il sostegno alla sua corsa per il Colle, gettano un’ombra persino inquietante sulla reale statura del personaggio, se pensiamo all’aura di credibilità e spirito di servizio che lo circondava solo pochi mesi fa. Il Pd da parte sua va avanti come un treno con il suo disegno di occupazione delle istituzioni, forte (o debole?) del 25% dei voti sul 72% espressi dai cittadini (cioè il 18% reale): dopo Camera e Senato, ora la presa del Quirinale. Palazzo Chigi subito, con la complicità dei grillini, oppure fra tre mesi, dopo il vero e proprio salto del buio del ritorno al voto. In ogni caso, il paese è bloccato sul dilemma della sinistra: come cavare il massimo di potere, che avevano cominciato ad assaporare, con il minimo risultato elettorale ottenuto.

Sono condannati ad inseguire un movimento anti-sistema che parla di decrescita, perché prendere atto dei numeri usciti dalle urne e far prevalere la responsabilità di dar vita ad un governo “costituente” presupporrebbe scendere a patti con il nemico che continuano a demonizzare e che vorrebbero vedere in galera. Insomma, la sinistra gioca allo sfascio non solo quando è all’opposizione, quando per delegittimare l’avversario è pronta a offrire in pasto anche l’immagine del paese, ma anche quando è chiamata ad essere forza di governo. Se l’Italia è una maionese impazzita, l’Europa non è da meno.

Ci riferiamo all’incredibile decisione di Ue, Bce e Fmi di rapinare, perché di questo si tratta, i correntisti ciprioti. Il piano di salvataggio di Cipro, infatti, sarebbe condizionato ad un prelievo forzoso sui conti correnti e di deposito. Noi italiani l’abbiamo sperimentato con Amato nel 1992, ma in questo caso si tratta di percentuali che variano dal 6 al 15% delle somme depositate. Dopo aver trasformato una crisi periferica come quella greca in una crisi sistemica capace di contagiare l’intero sistema finanziario europeo, e quindi di minacciare la tenuta stessa dell’euro, con Cipro si rischia di ripetere lo stesso errore. La Grecia sarà un “caso unico”, si diceva, ma se i “casi unici” cominciano ad essere due, si rischia di non venire più creduti.

Possibile che per dare 10 miliardi di euro a Cipro l’Europa sia pronta a rischiare una “corsa agli sportelli” stile 1929 in Spagna, Portogallo e Italia? Le peculiarità della realtà economica e finanziaria di Cipro (le vivaci proteste di Putin e Medvedev rivelano i cospicui interessi russi), non è un’attenuante per l’Ue. Il prelievo forzoso ai danni dei correntisti calpesta i principi su cui l’Europa dovrebbe essere fondata. E se è vero che non resta altra soluzione, la colpa dell’Ue è aver permesso a Cipro di continuare ad essere un centro finanziario offshore dentro l’Eurozona. Com’è stato possibile? E’ forte la sensazione che stiamo oltrepassando un punto di non ritorno sulla strada del fallimento del progetto europeo. Un fallimento politico-istituzionale, per l’incapacità a darsi istituzioni funzionanti, e democratiche, e persino a realizzare l’obiettivo minimo dell’integrazione monetaria ed economica.

E un fallimento ideale, dal momento che la confisca di cui si parla è un furto legalizzato e anticostituzionale degno di un impero medievale o di una Unione di repubbliche sovietiche. Se poi a tutto questo aggiungiamo l’Alto rappresentante per la politica estera Ue che non prende posizione nella disputa legale tra l’Italia e l’India, le cui autorità hanno disposto il sequestro del nostro ambasciatore, allora la misura dell’inutilità europea è colma. Siamo entrati in Europa, e nell’euro, per essere noi italiani, da sempre scapestrati, un po’ più europei, ma vediamo che decennio dopo decennio è l’Unione europea che sta diventando più “italiana”. Nel perseverare in un modello economico e sociale insostenibile; nell’elefantiasi burocratica; nella lontananza dei decisori pubblici dalla realtà dei cittadini; nello stallo politico-istituzionale; nella follia dei processi decisionali; nel calpestare i fondamenti dello stato diritto. E’ la peste italiana a diffondersi in Europa, non le “best practice” europee ad essere importate in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *