Il Pdl perde terreno

By Redazione

gennaio 22, 2013 politica

Si allarga leggermente, nell’ultimo sondaggio realizzato da Spincon.it per L’Opinione, la forbice tra la coalizione di centrosinistra guidata da Pier Luigi Bersani e quella di centrodestra guidata (almeno in teoria) da Silvio Berlusconi. Se una settimana fa soltanto due decimi di punto separavano i due schieramenti, oggi il vantaggio di Pd, Sel e alleati minori è salito all’1,7%. Merito (o colpa) soprattutto dei due partiti maggiori.

Rispetto all’ultima rilevazione di Spincon, infatti, il Popolo della Libertà è passato dal 20,1% al 19,3% (-0,8%), mentre il Partito Democratico ha guadagnato un punto percentuale, salendo dal 27,2% al 28,2%. Sotto il profilo puramente statistico, il vantaggio del centrosinistra resta quasi irrilevante e ben all’interno del margine d’errore. Ma nell’ultima settimana, complice forse il travagliato parto delle liste elettorali pidielline, il recupero del centrodestra registrato nell’ultimo mese sembra essersi trasformato in un leggero arretramento.

Qualche punto decimale (tre, per l’esattezza) lo perde per strada anche la Lega Nord, che passa dal 6,4% al 6,1%, confermando comunque una performance superiore a quella rilevata da altri istituti di ricerca. Sembrano godere di buona salute, invece, gli alleati “minori” del Pdl. La Destra di Francesco Storace cresce di un punto decimale e arriva al 2,8%. Fratelli d’Italia (Giorgia Meloni, Guido Crosetto e Ignazio La Russa) sale dal 2 al 2,2% (+0,2%). Stabili Grande Sud di Gianfranco Miccichè (0,4%) e il Mir (Moderati italiani in rivoluzione) di Gianpiero Samorì (0,2%). Esordisce allo 0,1% Intesa Popolare di Giampiero Catone.

In totale, il centrodestra scende dal 31,8% al 31,1% (-0,7%). Ad avvantaggiarsi delle difficoltà del Pdl è soprattutto il Partito democratico, che cresce di un punto percentuale passando dal 27,2% al 28,2%. In questo caso, però, a parte il Centro Democratico di Bruno Tabacci (che sale dallo 0,3% allo 0,5%), i “cespugli” del Pd non seguono il trend positivo del partito maggiore. Il Partito Socialista resta stabile allo 0,2%, mentre calano leggermente sia gli altoatesini della Südtiroler Volkspartei (-0,1%), sia – soprattutto – Sel (Sinistra Ecologia Libertà) di Nichi Vendola, che scende dal 4,1% al 3,8%.

Il totale dei consensi raccolti dal centrosinistra sale comunque dal 32% della scorsa settimana al 32,8% di oggi. Più o meno stabile il comportamento delle formazioni centriste. Se l’Udc di Pier Ferdinando Casini recupera un punto decimale e passa dal 3,2% al 3,3%, la lista Scelta Civica con Monti, ispirata dal premier uscente, sembra rallentare la sua corsa e scende dall’8,1% al 7,9% (-0,2%). Continua poi la gravissima crisi di Fli (Futuro e Libertà): il partito del presidente della Camera, Gianfranco Fini, perde un altro punto decimale e scivola dallo 0,9% allo 0,8%.

I tre “centrini” raggiungono insieme il 12% dei consensi (rispetto al 12,2% della scorsa settimana). Molto variegato è anche il trend dei partiti che non appartengono a nessuna delle coalizioni maggiori. Fare per Fermare il Declino conferma le recenti difficoltà passando dal 4,5% al 4,1%, ma sfodera comunque una prestazione nettamente superiore rispetto a quelle degli altri sondaggisti, secondo i quali il movimento di Oscar Giannino oscillerebbe tra lo 0,5% e il 2%.

I numeri di Spincon sono diversi da quelli della maggior parte degli istitituti di ricerca anche nel caso del Movimento 5 Stelle, che viene stimato con percentuali tra il 12 e il 16%. Secondo Spincon, invece, i grillini (pur in leggero recupero rispetto alla scorsa settimana) non vanno oltre il 10,9%. In crescita dal 5,6% al 5,9% (+0,3%) anche Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia e la “lista di scopo” Amnistia Giustizia Libertà nata dai Radicali italiani, che passa dall’1,3% all’1,5%.

Tra i partiti minori, si segnalano la Fiamma Tricolore, che sale dallo 0,4% allo 0,5% (+0,1%), il Partito Pirata, che scende dallo 0,9% allo 0,8% (-0,1%) e il Pin (Partito Italia Nuova) di Armando Siri, stabile allo 0,1%.

Intenzioni Di Voto Opinione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *