Media sondaggi: Aria di Monti-bis

By Michele Di Lollo

novembre 18, 2012 politica

La media di Notapolitica.it mostra un passo avanti del Popolo della Libertà. Questa settimana il partito che si appresta ad annunciare i candidati alle primarie, passa dal 16 al 16,9%. I maggiori istituti sondaggistici riportati dal nostro sito si tengono sopra la media citata. Sono di Tecnè e Ipr i dati più bassi: toccano il 14%. La potenziale coalizione di centrodestra (Lega Nord, La Destra e Partiti Minori) nel complesso migliora (27,2%), ma non in modo rilevante. Guadagna appena 2 decimi rispetto alle rilevazioni del 13/11. Il Carroccio cresce di mezzo punto tondo, attestandosi al 6,3%. Il dato SpinCon.it va ben oltre la media e tocca l’8%. Mentre il partito di Storace (2,3%) lascia per strada 3 decimi.

Migliorano i numeri per il “centro”. L’attenzione su Casini, le voci su Montezemolo e il Monti bis rafforzano il blocco mediano che avanza di quasi un punto. Sette decimi che danno al fu Terzo Polo il 9,8% dei consensi. Nel dettaglio, Futuro e Libertà per l’Italia (2,7%) migliora di 4 decimi, l’Udc di Casini guadagna lo 0,1% fermandosi al 6,1%. Conquistano un decimo ciascuno Mpa e Api, rispettivamente allo 0,6% e allo 0,5%.

Il blocco di sinistra (43,2%) resta stabile e anzi si rafforza di un ulteriore 0,6%. Il Pd si conferma con estrema sicurezza il primo partito del paese al 28,9%. Cresce di 4 decimi con il consueto ottimismo del sondaggio Ipsos che segna quota 31,7%. Di Pietro e i suoi confermano il 4,1%, nessuna variazione rispetto all’ultima analisi. Sel cresce dello 0,4% toccando il 5,8%. I partiti minori con un più 0,1% raggiungono il 2,4%.

I dati relativi al Movimento Cinque Stelle sono negativi. Beppe Grillo crolla di quasi due punti e ripiega al 16,3%. La vittoria, la rivoluzione annunciata da Crocetta sembrano aver smaltito la loro carica. Quanto detto non vale per Swg: il suo dato supera abbondantemente la media e mostra l’M5S al 20,5%. L’altro partito “indipendente” dai principali schieramenti, la Lista Bonino-Pannella (1,1%), cala dello 0,4%. La somma dei due fa 17,4%. Meno 2,2 per cento rispetto alla scorsa settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *