La carica dei FORtwitteroni

By Redazione

novembre 13, 2012 politica

Hai mai sognato di possedere la giacca arancione di Formigoni? Oppure di poter sfoggiare la sua sciarpa preferita “La Celeste”? Da oggi il tuo sogno è facilmente realizzabile basta diventare un FORtwitterone ovvero follower di Formigoni su Twitter per partecipare a questo grande concorso.

Mentre per Batman, non pensate male ci riferiamo soltanto al supereroe della DC Comics, esistevano la batcaverna e la batmobile per Formigoni esistono i FORmaglioni, le FORsciarpe e le FORgiacche. Tutto è iniziato il 6 novembre scorso quando dal suo account Twitter il Celeste ebbe l’idea di festeggiare il raggiungimento dei 40.000 followers con l’istituzione di un FORconcorso. Il traguardo è stato ampiamente superato, dato che adesso a seguire Formigoni sono quasi in 42.000, e nella giornata di oggi il Governatore, tenendo fede alla sua parola, ha accolto il fortunato vincitore del premio che piacerebbe tanto anche a Pollock.

Di fronte a tanto successo Formigoni non lascia ma anzi raddoppia ed ecco quindi che il nuovo traguardo è fissato agli 80.000 followers; ad essere in palio questa volta sarà la sua giacca arancione: la FORgiacca per l’appunto. Ora non vogliamo certamente metterci a fare i bacchettoni però magari prima o poi qualcuno dovrà iniziare a porsi il problema dello stato della comunicazione politica sui social network.

Soltanto due giorni fa abbiamo infatti assistito alla trasformazione dei candidati alle primarie del Pd in supereroi della Marvel, i famosi Fantastici 5 che, tralasciando tutte le parodie che si trovano su internet, non hanno riscosso particolare successo nemmeno fra gli interessati. Visto che mai come in questo periodo si sta prendendo la politica americana come modello di riferimento, nell’attesa dei FORpantaloni e dei FORcalzini pensate per un attimo al governatore di New York che su Twitter inizia a pubblicizzare i CUOMOsweaters o il Governatore del Texas che propone le PERRYshirts.

Magari il successo commerciale sarebbe assicurato, ma non so se poi avrebbero il coraggio di ricandidarsi ai pubblici uffici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *