Cronenberg ucciso dal doppiaggio

By Redazione

maggio 26, 2012 Cultura

Quel poco di buono che c’è nel film di David Cronenberg, “Cosmopolis”, tratto dall’omonimo visionario romanzo di Don De Lillo del 2003, lo distrugge il doppiaggio italiano. E la recensione potrebbe anche finire qua. Quelli che sono abituati a leggere solo i titoli e poche righe dell’attacco del testo, cioè la stragrande maggioranza degli italiani, si fidino: è stata un’occasione sprecata alla grande.

Presentato ieri alla stampa italiana, a poche ore dall’uscita in sala con la 01 distribuzione e in concomitanza con la presentazione, in originale, al festival di Cannes, “Cosmpolis” è una vera delusione. I dialoghi e l’adattamento riescono a ridicolizzare le intuizioni apocalittiche di De Lillo sulla fine del capitalismo, “c’è uno spettro che si aggira per il mondo”, e quelle rivolte contro la finanza globale, rappresentata da Eric Packer, un golden boy del settore, che vive nella propria  limousine bianca, che nel 2003 potevano sembrare profetiche, oggi appaiono del tutto scontate alla luce di quanto accade nella realtà di tutti i giorni. La trama del film sarebbe la “ybris” di questo personaggio a tinte fortemente negative e interpretato dall’attore cult della saga dei vampiri, Robert Pattinson, con comprimari dal calibro di Juliette Binoche, il quale sfida le esigenze di sicurezza di un apparato mostruoso che si è costruito intorno alle proprie fortune per andare a rifarsi il taglio dei capelli dall’altra parte di New York, dal barbiere da cui lo portava il padre da bambino.

New York nello scenario apocalittico immaginato da De Lillo è ormai una città assediata dagli indignados, che sono anche un bel po’ violenti e che più volte assaltano e imbrattano la limousine super blindata in cui il finanziere demarca la propria distanza dall’umanità. In un’intervista De Lillo si dice  contento che “quando le riprese del film erano quasi finite è emerso il movimento “Occupy wall street”….”

 Poi dice che è “solo l’inizio” e che ritiene “non sia finita qui”. Infine cita il personaggio del film Vija Kinski, interpretata da Samantha Morton, cioè “la responsabile della teoria di Eric Parcker2, che tra parentesi sta in crisi esistenziale dopo essersi rotto le corna speculando contro lo yuan, e si dimostra entusiasta del fatto che la donna spighi al suo capo “che le persone che protestano sono il frutto di Wall Street e del capitalismo”. Quello che è insopportabile però in un film che esce nove anni dopo una premonizione letteraria è la banalizzazione da telefilm, complice come si diceva il doppiaggio italiano, che ne viene fuori. De Lillo si consola con la sua nuova carriera di scrittore di testi per rapper, nei titoli di coda si nota che sono sue le parole per il rapper Sufi, ma gli spettatori in sala difficilmente si libereranno da un insopportabile senso di deja vu. Frasi come “tu hai bisogno di essere eccitato, è la tua natura” o “tu riesci a ottenere informazioni e le converti una materia orribile”, vanno bene nei fotoromanzi per servette di paese  stile Grand Hotel. Quanto alle battute che qua e là fanno fare qualche sghignazzata, una volta riportate in italiano andrebbero benissimo in un film di Fantozzi.

Ma se vuoi fare ridere qualcuno non usi attori come il bello e pallido protagonista della saga dei vampiri e non scegli come regista Cronenberg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *