Ma Alfano sta bluffando

By Redazione

maggio 25, 2012 politica

“Non ci sono le condizioni per il presidenzialismo”. Così Bersani boccia recisamente la proposta lanciata ieri in pompa magna da Silvio Berlusconi e Angelino Alfano. Una riforma della Costituzione in senso presidenziale, con un’elezione a doppio turno alla quale si arrivi attraverso le primarie. “Come in Francia – ha spiegato il segretario del Pdl – Dove, nonostante il voto di protesta, la governabilità è assicurata dal modello istituzionale”. Il paragone, fin troppo facile, è con la disastrata Grecia e il suo modello proporzional-parlamentare, che costringerà gli ellenici, al voto non più tardi di due settimane fa, a tornare alle urne a metà giugno.

È questa buona parte della “più grande novità della politica italiana” annunciata dal segretario del Pdl prima delle amministrative. Una proposta coraggiosa e interessante. Se fosse sincera.

I vertici del Pdl sanno che, con l’attuale Parlamento, gli spazi per incamminarsi in direzione del presidenzialismo non ci sono. La proposta di legge Calderisi, che prefigura una riforma di questo tipo, è ferma in un cassetto di Montecitorio da oltre un anno. Osteggiata non solo dal Partito democratico, ma anche da una larga fetta di esponenti pidiellini.

La dirigenza degli azzurri sa che il Terzo polo non ha nessuna voglia di condannarsi all’irrilevanza mediatica in una competizione che, prevedendo un doppio turno di votazioni, privilegia i due partiti di maggioranza relativa. E, dopo aver incassato l’indisponibilità del Pd, anche dalla Lega arriva un secco niet: “Il tempo per una grande riforma costituzionale è scaduto”, ha scritto Roberto Maroni Sul proprio profilo Facebook.

Se è dunque vero, come ha sottolineato Alfano, che i senatori azzurri chiederanno su questa base un pronunciamento dell’aula, il voto non potrà che essere di segno negativo. Sembra dunque probabile che la reale intenzione di Berlusconi e dei suoi sia quella di avere il pretesto di additare i propri avversari come coloro che hanno voluto bocciare le riforme. E sulla scorta di questo argomento elettorale, tornare a votare con un Porcellum che, se non qualche chance di vittoria, gli potrebbe consentire di essere determinate al Senato. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *