Ecco l’ultima di Terzi

By Redazione

marzo 20, 2012 politica

La piega presa dal caso di Mario Vattani – come è noto Il Tar del Lazio ha sospeso l’efficacia del decreto con il quale il ministro ha richiamato in servizio alla Farnesina il console italiano a Osaka – a ben studiarla, rappresenta l’ennesimo fallimento della gestione Terzi della Farnesina. Infatti denuncia, ancora una volta, un atteggiamento impacciato e dilettantesco del titolare della nostra politica estera. Se sul fronte internazionale l’insipienza di Terzi è stata stigmatizzata da quasi tutti i commentatori politici ed é ben giudicabile dai fatti; i tentennamenti e le gaffes interne, sono meno note e quindi meno evidenti, ma altrettanto macroscopiche.

Sorvolando sul disinvolto uso delle vetture di servizio (che pure fotografano quanto meno ingenuità e inconsapevolezza del ruolo), da quando Terzi ha messo piede (e testa) nelle questioni dell’amministrazione romana, non ne ha indovinata una. Si è fatto immediatamente paladino della causa dell’allungamento dei termini dell’età pensionabile dei suoi colleghi, in una chiara conflittualità di interessi che lo stesso capo dello Stato, e poi le camere, gli hanno bocciato; ha dato vita ad un ripulisti di cariche e incarichi degno di un pogrom sovietico, per contornarsi di collaboratori diplomatici, il cui unico merito è quello di aver lavorato presso la sua ultima sede a Washington, e di collaboratori esterni in maggioranza senza curriculum o che a Roma vengono solo a causa di forza maggiore.

Senza pensare che, tanto per certificare il suo arrivo, Terzi ha congelato buona parte, se non tutti, i progetti del suo predecessore, senza mettere in campo delle alternative. Insomma alla Farnesina siamo oramai nel regno dell’indecisione sistematica, del vuoto pneumatico e del personalismo più infantile. Nessuno sa più cosa si faccia, sempre se qualcosa si fa. Certo si tentenna. Terzi è un ministro con il singhiozzo perenne: tra il faccio o non faccio, ritarda, sbaglia, prova a recuperare e fa peggio. Dicevamo del caso Vattani: la stampa (va da sé, sempre la solita stampa doppiopesista e forcaiola) scova un video con Vattani che canta in un concerto organizzato da Casa Pound e inizia a martellare la Farnesina. Terzi dapprima fa finta di niente, poi, al suo solito cincischia, dichiara di tutto e poi, sotto pressione dei media, severamente condanna. Si guarda bene a prendere le difese, o almeno a chiedere riserbo per le sorti di un funzionario della sua amministrazione (per altro figlio di uno dei pochi veri amici che egli ha e ha avuto nella carriera), quindi, più tardi, quando il sindacato capisce che forse la commissione interna potrebbe decidere per una pena lieve e alza la voce (e fa girare strani comunicati stampa), Terzi si spaventa ed esagera: infligge al console una condanna preventiva! E il Tar, appunto, lo boccia.

Ora siamo in attesa delle promozioni interne alla carriera diplomatica, promozioni per diciannove consiglieri al ruolo di ministro e il sindacato, che evidentemente ha ben compreso l’indole del nuovo capo, ha già preventivamente messo sul chi va là l’amministrazione. In soldoni: attenzione, caro Terzi, sorveglieremo e non accetteremo avanzamenti di carriera acrobatici. Pare sia la prima volta che alla vigilia di una promozione interna il sindacato invii messaggi tanto severi da sembrare minatori. Effettivamente, qualche sorpasso azzardato si potrebbe ipotizzare, ma stia tranquillo il sindacato: Terzi avvisato, disastro (anche per gli amici e i figli degli amici) assicurato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *