Bersani prende le redini del Pd

By Redazione

febbraio 6, 2012 politica

Non siede più tra i banchi del Parlamento da quasi quattro anni. Nonostante ciò, l’ex deputato di Ds e Pd Luciano Violante ha conquistato negli ultimi giorni un’insolita vetrina sulla stampa nazionale. Citato copiosamente dai telegiornali e inseguito dai quotidiani, sui quali ha inanellato sei o sette (abbiamo perso il conto) interviste negli ultimi dieci giorni.

È successo che Violante è il responsabile del Partito Democratico del dipartimento che si occupa di Riforme. Che, tradotto, significa che è l’uomo incaricato di condurre la trattativa sulla legge elettorale per conto della segreteria. E, dunque, il tank mandato in avanscoperta da Pierluigi Bersani. Il segretario Democratico è stato nei giorni scorsi messo all’angolo sul tema dalle opposizioni interne. La proposta del senatore Stefano Ceccanti, appoggiato da Walter Veltroni e da Dario Franceschini, aveva trovato buona accoglienza nell’area pidiellina facente capo a Gaetano Quagliariello. Ma il modello ispano-tedesco sul quale sembrava possibile un’intesa non piace a larga parte del Pdl, in particolar modo fra gli ex An. Ma soprattutto ha tagliato le gambe all’azione bersaniana nel dettare linea ufficile del Pd.

Bersani ha così mandato in avanti Violante. Una strategia comunicativa massiccia, che, per ora, sembra aver in parte funzionato. L’attivismo dell’ex presidente della Camera ha fatto perdere al Ceccantum l’inerzia della quale sembrava inizialmente dotata quella proposta. E ha ricollocato, come primo interlocutore sul tema per conto del principale partito di opposizione, proprio Violante. Sarà lui a guidare la delegazione democratica nell’incontro di oggi con il Pdl. Avrà di fronte Ignazio La Russa, sostenitore della necessità di ritoccare il Porcellum, e contrario ad un cambio dell’impianto della legge. Come andrà a finire è difficile a dirsi. Ma il meeting potrebbe segnare un deciso passo di allontanamento da quell’intesa sul Ceccantum che solo una settimana fa sembrava essere a portata di mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *