Iowa: ha vinto Santorum?

By Redazione

gennaio 5, 2012 Esteri

Santorum potrebbe aver vinto in Iowa. È questa la voce che sta iniziando a diffondersi attraverso tutti i social network. La notizia è apparsa per la prima volta sul portale di KCCI News ed è stata riportata dall’influente sito conservatore Human Events. Stando a quanto riportato in una circoscrizione sarebbero stati attribuiti a Romney 20 voti in più di quanti ne avrebbe realmente ottenuti. Per un errore di comunicazione, nella tranquilla cittadina di Moulton nella contea di Appanoose in cui avevano partecipato al caucus 53 persone, i due voti reali ottenuti da Romney sarebbero diventati ventidue. Il sito di KCCI News riporta anche la versione ufficiale del presidente del partito Repubblicano dell’Iowa che conferma la correttezza dei voti comunicati nella serata dei caucuses. Quelli di KCCI News fanno però sapere di non aver avuto ancora la possibilità di verificare queste dichiarazioni con i funzionari del partito della contea. Se la notizia dell’errore fosse quindi confermata il vincitore dell’Iowa sarebbe Santorum per 12 voti.

Per il momento lo staff di Santorum non ha fatto trapelare nessun commento essendo il candidato impegnato in un vero tour de force in New Hampshire, prossima tappa delle primarie, per cercare di confermare quanto di buono ottenuto in Iowa. Le elezioni che si terranno martedì prossimo nel Granite State saranno un esame importante per testare sia la capacità di Santorum di convincere un elettorato meno conservatore del precedente, sia per testare quanto consenso riesca ad ottenere Romney che gioca praticamente in casa. Anche gli endorsement iniziano a farsi pesanti: è di oggi la notizia che CatholicVote, uno dei più noti siti cattolici, abbia manifestato il suo sostegno a Rick Santorum mentre Romney ha potuto fregiarsi del supporto che McCain ha deciso di concedere al suo ex rivale di quattro anni fa.

Nel 2008 in New Hampshire McCain e Romney, entrambi candidati moderati, ottennero insieme oltre il 68% dei voti. Quest’anno l’unica sfida alla “sinistra” di Romney è rappresentata da Jon Huntsman che però gli ultimi sondaggi danno attestato intorno ad una media del 9% e per questo non dovrebbe rappresentare una sfida molto pericolosa. Ecco quindi che l’obbiettivo di Romney diventa quello non soltanto di vincere ma anche di convincere per cercare di affrontare al meglio la sfida della South Carolina e della Florida in cui il peso dei conservatori è molto maggiore.

Nel caso quindi che Romney non riuscisse ad ottenere un’ampia maggioranza nel New Hampshire le voci che vorrebbero che un nuovo candidato scendesse in campo per raccogliere i pezzi di questo partito Repubblicano sempre più diviso, si farebbero sempre più pressanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *