La twitter list della crisi

By Redazione

novembre 11, 2011 politica

La crisi corre su Twitter. Repubblica, Corriere della Sera, Stampa e tutte le edizioni online dei principali quotidiani cartacei non riescono più a tenere il passo con la magmatica dinamicità del fratello adulto di facebook. Professionisti dell’informazione, della comunicazione, politici, affidano ad un tweet il loro pensiero su quel che succede nel qui ed ora. E si scambiano notizie ed informazioni, pescate dal web, dalle agenzie, dai canali privilegiati di cui dispongono. Un uso intelligente di Twitter, rende obsoleta qualunque altra lettura che tratti dell’evoluzione del panorama politico. Che sta facendo Monti adesso? Su Twitter lo sai dopo cinque minuti, sul quotidiano online dopo un’ora. Quando la notizia arriva sul cartaceo, la mattina dopo, si è fossilizzata sotto un poderoso strato di ulteriori tweet che l’hanno resa obsoleta. Alcune prime firme della grande stampa cartacea sembrano essersene accorte. Calabresi, Riotta, Battista, Bardazzi, Sechi. Perfino De Bortoli  affida sempre più spesso il proprio pensiero ad un tweet, infarcendo il suo giornale – così come lo sono tanti altri – di autorevoli commenti ed elaborate analisi. Perché le notizie vere e proprie non sono più di casa sulla carta.

Ma si rincorrono sul web, inseguendo il tweet che svolta una giornata. Noi abbiamo messo in fila, in rigoroso ordine alfabetico, gli account individuali che in questi ultimi giorni stiamo seguendo con maggiore attenzione, per la qualità e l’originalità dei loro cinguettii. Se volete sapere prima degli altri tutto quel che accade in questi giorni, vi consigliamo vivamente di fare altrettanto.

Dino Amenduni – Si occupa di comunicazione politica. E si vede. Ha un blog sul Fatto

Franco Bechis – Nonostante la topica del video di Crosetto, lui, a differenza di altri, con i dirigenti del Pdl ci parla. E ne tweetta.

Paolo Biondi – È l’uomo della Reuters in Parlamento. Sa tutto quel che c’è da sapere, nei tweet lo screma dal superfluo.

Simona Bonfante – Tra gli animatori di The Front Page, si candida ad opinion leader del futuro. Ma solo perché il presente non le basta.

Marco Castelnuovo – Giornalista della Stampa, vive su twitter e per twitter. Utilissimo e informatissimo.

Claudio Cerasa – Redattore capo del Foglio, sa tutto quel che c’è da sapere su Pd e (ampi) dintorni.

Francesco Costa – Scuola Post. Da lui avrete i fatti, spiegati e messi in fila perché li possiate decifrare. E scusate se è poco.

Diego Destro – È la mente di Daw-news. Il centrodestra senza peli sulla lingua. Come sforna chicche lui, nessuno.

Fabrizio Goria – Se volete sapere e capire l’aspetto economico della vicenda, non ne potrete più fare a meno.

Tommaso Labate – Giornalista parlamentare del Riformista. Principe dei retroscena di twitter

Mario Lavia – Vicedirettore di Europa, una delle voci più informate del social network.

Salvatore Merlo – La politica al Foglio. Se c’è una cosa da sapere, lui la sa. Se lo intercettate nella giornata in cui ha mezz’ora di tempo per twittare vi divertirete.

Antonio Palmieri – Il capo del web del Pdl. La situazione spesso lo porta lontano dal computer, ma quando c’è, occhio a quello che condivide.

Federico Punzi – Dall’osservatorio radicale, le sue analisi non sono mai banali. Da leggere tra le righe.

Roberto Rao – Deputato dell’Udc, non si fa problemi a dire quel che nessun altro del suo partito oserebbe dire. Menzione per l’ironia.

Nicola Robin – Volete farvi quattro risate su una situazione che è grave ma non è seria. La verve e il non sense di Nicola fanno al caso vostro.

Andrea Sarubbi – Ha il merito di aver inventato l’hashtag opencamera. I vostri occhi in Parlamento.

Filippo Sensi – Il blogger che ha fatto dimettere un ministro britannico. La comunicazione politica sezionata e offerta sul piatto con un filo di aceto balsamico.

Carlo Stagnaro – Direttamente dal Bruno Leoni, su economia e sviluppo dice quel che vorremmo dire noi se fossimo bravi come lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *