Omofobia, occasione persa

By Redazione

luglio 27, 2011 politica

A mio parere, la Camera ha perduto un’occasione per dare un contributo positivo al contrasto di ogni discriminazione a sfondo sessuale. Da liberale, accetterei e condividerei le obiezioni contrarie all’inserimento di ulteriori singole e specifiche aggravanti (in questo caso, la discriminazione sessuale e in particolare omofobica), se il nostro sistema normativo non fosse già pieno di numerose altre aggravanti, su tanti specifici temi.

Da liberale, insisto, a me pare che le strade siano due: o si eliminano le altre aggravanti, oppure non si vede perché – una volta che se ne sono già ammesse tante – non si possa ammettere anche quella relativa all’omofobia.

Quella di lunedìmi pare dunque una scelta discutibile e soprattutto un’occasione persa. Voglio sperare che in futuro possa esserci un supplemento di riflessione da parte di tutti. Questi non sono temi che possono essere oggetto di divisione per ideologie o per mera questione di partito. E’ interesse di tutti, credo,  contrastare ogni azione compiuta con motivi discriminatori: trovare una forma giuridica accettabile non mi sembra un’impresa impossibile, se c’è la buona volontà di tutti.

Resta un punto politico di fondo. Il centrodestra è pieno (tra gli elettori, e anche tra gli eletti) di liberali, di socialisti, di riformisti. Non sarebbe opportuno, a maggior ragione in un momento politico delicato, dare anche a loro, così come già accade ampiamente per le componenti più orientate in senso confessionale, piena “luce verde” nel processo di ricostruzione e di rinnovamento del partito? Forza Italia lo fece, e fu un successo. Sarebbe il caso di riprovarci.

(da Taccuino Politico)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *