Amministrative: l’incubo del Pdl

By Redazione

aprile 11, 2011 politica

Il Cavaliere che sa che le strade sono due: o ci mette la faccia ancora una volta o finirà per perdere. Le amministrative di questa primavera hanno il solito valore che hanno le elezioni comunali anche se, con buona pace di chi ancora crede in un centrodestra unito, sono molti i centri in cui si stanno sperimentando acrobazie politiche degne di nota e improbabili alleanze tra sinistra e pezzi della maggioranza che sostenne Berlusconi nel 2008. Berlusconi sa che, anche questa volta, sarà un referendum sulla sua persona e se per i centri più piccoli vale la regola dello scarso peso politico di queste consultazioni, la stessa cosa non può dirsi per capoluoghi come Milano, Napoli e Trieste.

Proprio su queste tre sfide, stando ai bene informati, si sarebbero concentrate le attenzioni di alcune rilevazioni demoscopiche. Non  è un mistero, infatti, che rappresentino tre indicatori importanti su cui ragionare per poter valutare l’esito delle prossime consultazioni amministrative. I risultati per il centrodestra sarebbero tutt’altro che positivi. In tutte e tre le città, stando ai si dice, gli uomini del Cav. finirebbero al  ballottaggio. Mentre a  Milano Letizia Moratti è destinata a bissare il successo di cinque anni fa, a Trieste e Napoli ci si prepara alla debacle. Nel capoluogo giuliano il centrosinistra tornerebbe al governo dopo i fasti dell’era Illy. E a Napoli, nonostante un buon risultato al primo turno, sia De Magistris che Morcone finirebbero per battere di misura Lettieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *